CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

20/10/2017

S. Irene

ACCESSO

Password Dimenticata?

AmbriaJazz riscuote sempre più successo

CONDIVIDI

27/07/17

AmbriaJazz è nel cuore del Festival, gli appuntamenti sono fitti e tra i concerti già fatti ed altri che arrivano fa piacere constatare la grande partecipazione del pubblico alle serate in calendario. Sempre altissima la qualità delle proposte musicali che si contraddistinguono sia per la partecipazione di nomi nuovi che per le contaminazioni tra i generi. Non sono mancati gli imprevvisti come per il caso di Luca Aquino, ma bisogna dire che Carmine Ioanna e Rino De Patre hanno saputo sviluppare quello che già avevano iniziato con Luca in maniera davvero eccellente: entusiasta il pubblico di entrambe le date. In Valmalenco la miniera La Bagnada ha registrato il quasi esaurito con i Weltenseele e la Conferenza Spettacolo di Luca Radaelli e Ruggero Meles ha tenuto a bocca aperta le numerose persone affluite allo Zenith di Caspoggio. A Grosio le previsioni meteo hanno spostato lo spettacolo all'interno, ma tale era la bellezza e l'intensità dei due progetti che non si è sentita la mancanza dei giardini di Villa Venosta. Magnifico lavoro quello di Michel Godard e Ihab Radwan nel Santuario di San Luigi a Sazzo dove l'intreccio tra il barocco cristiano e la musica orientale ha trasportato i presenti in una profonda atmosfera mistica.

 

Prepariamoci quindi ai prossimi appuntamenti: grazie alla collaborazione con il Comune di Piateda  AmbriaJazz sarà in Ambria sabato 29 luglio, il piccolo borgo in quota nel territorio comunale di Piateda che dà il nome al festival, si comincerà alle ore 11:15 con l'inaugurazione di una interessante bacheca che riporterà alcune note storiche sul nucleo di Ambria e le antiche miniere di ferro.  Per l'occasione il progetto musicale scelto sarà Speck & Zola che, come da tradizione,  sarà alle ore 12:00 nel giardino della Chiesa, o dentro se dovesse piovere, mentre poco lontano si rimesta la polenta che ogni anno il popolo d'Ambria prepara per il pubblico dimostrando grande ospitalità. Naturalmente non può mancare il caro buon Luigi Zani con le letture in dialetto valdambrino, capace come sempre di farci fare grandi risate.

Speck & Zola è un lavoro di Flaviano Braga (Fisarmonica cromatica) e Simone Mauri (Clarinetto basso), i quali compongono un sodalizio che riesce ad amalgamare in maniera raffinata e complessa sonorità che arrivano a toccare profondamente le corde dell’emotività, portando alla luce scenari di rara bellezza con composizioni originali e libere da forzati incastri.Fisarmonica e Clarinetto basso creano un impasto timbrico ricco e suggestivo, permettendo al duo di spaziare fra i generi. I brani originali si avvicinano ad un linguaggio jazzististico pur mantenendo spesso sonorità vicine alla musica etnica e al folk. Brani etnici, improvvisazione jazz e qualche eco di sudamerica completano il repertorio.

 

Per chi non può partecipare al caratteristico mezzogiorno valdambrino in cui i musicisti si esibiranno in acustico nella genuina cornice alpina, sarà possibile ascoltarli la stessa sera di sabato 29 luglio alle ore 20:30 nei Giardini di Palazzo Martinengo a Sondrio, nel cuore della città.

 

Subito dopo, sullo stesso palco alle 21:30 saranno  protagonisti Tino Tracanna con il quintetto in “Acrobats”.  Con questo progetto Tino Tracanna mette insieme un super gruppo del jazz italiano! Un quintetto di star, ciascuno con uno stile inconfondibile ed una forte personalità. Tino Tracanna al sax, Paolino Dalla Porta al contrabbasso, Andrea Andreoli al trombone, Roberto Cecchetto alla chitarra e Antonio Di Fusco alla batteria, uniti danno origine ad una delle formazioni più originali apparse sulla scena jazzistica italiana negli ultimi anni.  

Attenti alla tradizione ma con uno sguardo libero e curioso rivolto alla sperimentazione ed alla novità, gli Acrobati volteggiano nella babelica realtà contemporanea mettendo a contatto sostanze musicali diverse attraverso il libero dialogo dei musicisti attorno al complesso ma entusiasmante caos del mondo di oggi. Frammenti d’Africa, spasimi elettronici, eteree melodie e sanguigni grooves si intrecciano così in un acrobatico viaggio intorno al pianeta, alla velocità del pensiero.

In caso di pioggia il concerto serale sarà all'Auditorium Torelli in Sondrio.

Da non perdere l'appuntamento di domenica 30 luglio alle ore 21:00 a Bormio dove la band “Flamencotamina” composta da ben sette musicisti si esibirà per il pubblico nell'antica Piazza del Crocefisso (Auditorium di Bormio Terme in caso di pioggia) grazie alla collaborazione con il Comune di Bormio. Saranno Roberto Talamona alla chitarra, Toto Canzoneri al flauto traverso,  Lautaro Acosta con il violino, Mario Caccia al basso Francesco Perrotta al cajon, percussioni, Pierfrancesco Tarantino alla batteria, percussioni e Flaviano Braga alla fisarmonica.

Il flamenco tradizionale si è ormai istituzionalizzato come forte rappresentazione folkloristica che oggi sta conoscendo una nuova stagione. Il flamenco è anche il risultato delle peripezie e pellegrinaggi di un popolo mai fermo: i cosiddetti  “gipsy”, di origine balcanica: sono i nomadi per antonomasia ed hanno saputo creare uno stile musicale frutto dell’ elaborazione di vari  elementi culturali appartenenti alle diverse ambientazioni e genti nelle quali si sono via via imbattuti nel corso del tempo.  Il Flamenco, oggi più che mai, in un mondo in cui  le nuove tecnologie impongono una dimensione sempre più globale, si apre a  diverse contaminazioni, così come il nuovo millennio impone... Da qui il nome della band “FLAMENCONTAMINA” che racchiude una parte del meglio dei musicisti che da vari anni e vario titolo gravitano nell’orbita del folklore gitano.

Chitarra, basso acustico, un set percussivo ampio ed originale, flauto traverso, violino... sono gli ingredienti principali dove flamenco, pop, jazz e blues si miscelano dando luogo ad un  vibrante escursione con idiomi ritmici molto coinvolgenti, ma anche aspetti di lirismo e magica poesia.

Virtuosismo, orgoglio, passione, calore per un genere che di norma conquista l’ascoltatore poiché molte delle radici, quelle mediterranee in partcolare, sono comuni al patrimonio anche Italiano.

 

Lunedì 31 luglio alle ore 18:00 saranno estratti i numeri vincitori della Lotteria 2017 nella bella Sala Aurora di Palazzo Flematti a Chiuro. Tutta la popolazione è invitata. I numeri estratti saranno pubblicati sul sito ambriajazz.com , in Twitter e in FB AmbriaJazz Associazione Culturale, nel Blog ambriajazzfestivalblog.wordpress.com e saranno inviati come messaggio broadcast a chi ha aderito al servizio. Il primo premio sarà un'imbiancatura a suon di musica ad opera del Direttore Artistico, i due secondi premi saranno un viaggio andata e ritorno per due persone con un'auto per Sardegna o Corsica, i cinque terzi premi saranno una cena per due persone al ristorante Ca' D'Otello di Tresivio. Si raccomanda quindi di prestare attenzione alle comunicazioni di AmbriaJazz in tutte le loro forme.

 

Seguirà una pausa di un paio di settimane prima dell'ultima data del Festival AmbriaJazz che sarà a Premadio il 18 agosto alle ore 20:30 in piazza della Chiesa di San Cristoforo. Per questa data  è previsto un doppio appuntamento che vedrà esibirsi i Gustosa Band prima e Iceberg Jazz Quartet (e tre quarti stanno sotto) dopo.