CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

23/10/2017

S. Giovanni da C.

ACCESSO

Password Dimenticata?

Continua la programmazione estiva in Valgerola

CONDIVIDI

24/08/17

Serate giocose, spettacoli, ironia e quel pizzico di magia e di atmosfera che è propria dell’estate e che ritma la vacanza nelle località turistiche. A Gerola alta, Valtellina, giovedì 24 agosto di sera sul palco del Palagerola alle 21 salgono gliSciattol Clown, gruppo di clownerie nato da una esperienza formativa organizzata dalla associazione morbegnese La Navicella. Il gruppo di clown dilettanti si era incontrato in questa occasione, si era creata amicizia e voglia di perfezionare le tecniche di humour e spettacolo legato a queste maschere particolari che animano le esibizioni circensi, che fanno sorridere grandi e piccini.

Al corso tenuto alla Navicella sono seguiti altri stage e percorsi formativi, il gruppo di amici-clown valtellinesi ha deciso di intraprendere una propria strada, come lo Shuttle, il veicolo per i viaggi lunari si è staccato dalla navicella, l’associazione che aveva battezzato le loro prime esibizioni sul palco. Oggi vanno a fare sorridere in ambiti ricreativi e sociali, in case di riposo con pazienti e anziani, in feste all’aperto dove tengono laboratori di “truccabimbi”. Sempre arrivando e portando il sorriso con spettacoli gratuiti.

Giovedì al Palagerola si presenteranno di fonte a tanta gente e la serata sarà ad ingresso libero, tutto il ricavato delle offerte degli spettatori andrà alla Associazione Siro Mauro, onlus per le Cure palliative che opera in provincia di Sondrio. I bambini si divertono, la serata sarà aperta e si darà aiuto a chi dà aiuto.

Sempre a Gerola durante le belle serate di Ferragosto ha riscosso consenso e un successo numericamente sorprendente la Lucciolata, iniziativa semplice proposta dall’Ecomuseo per bambini e famiglie: prima i partecipanti – oltre 150 – si sono riuniti al Palagerola, polifunzionale del paese orobico valtellinese per costruire le “lucciole” lanterne artigianali illuminate a led.

Poi si è usciti all’aperto, si è camminato per facili sentieri nei boschi e ci si è fermati con plaid e stuoie sui prati alpini, al buio, restando assieme, piccola comunità di grandi e piccini e grandi tornati piccini, gli occhi sgranati, a guardare le stelle cadenti.