CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

23/10/2017

S. Giovanni da C.

ACCESSO

Password Dimenticata?

De Andrè era in ascolto a Tirano

FOTO CALENDARIO VALTELLINESE ©

CONDIVIDI

BLOG | 27/08/17

E’ nella normalità nel mio lavoro ricevere comunicati stampa relativi ad eventi o iniziative e pubblicarli sul sito di Calendario Valtellinese. Poi gli stessi vengono “postati” sulle pagine dei Social per dare ancora più diffusione e risalto.

La scorsa settimana ricevo, un comunicato relativo alla serata regionale Premio De Andrè..e ti piace lasciarti ascoltare, organizzata a Tirano per il 22 agosto.

Me la inviano Massimiliano Greco, responsabile regionale designato per l'organizzazione del premio musicale De André in Lombardia e nord Italia, e da Antonio Muraca, coordinatore e responsabile dell’organizzazione dell’evento a Tirano.

Lo leggo velocemente perché gli eventi e le mail che riceviamo ogni giorno sono davvero molti.

Questo però attira un po’ di più la mia attenzione, innanzitutto perché leggo il nome di De Andrè che è tra i miei cantautori preferiti e noto pure una interessante giuria. Alla serata saranno presenti, per scegliere i vincitori che poi parteciperanno alle semifinali il 25, 26 e 27 agosto a Pietracatella(CB),  Luisa Melis,  Teresa Mariano e Carlo Massarini.

Carlo Massarini? La mia mente subito si accende e torna ai primi anni 80, quando Carlo Massarini presentava Mister Fantasy un programma musicale dedicato al rock che andava in onda su Rai1 alle 22,30 ogni martedì sera.

Lo adoravo in quanto per la prima volta si vedevano in TV videoclip e video musicali provenienti dall'estero. Il mio cantautore preferito ai tempi era Jakcson Browne e Massarini spesso passava suoi video. Youtube ancora non era stato inventato, quindi potete immaginare come fosse davvero prezioso poter guardare questo programma.

Ricordo che l’ora era piuttosto tarda dato che il giorno dopo si andava a scuola.

Dicevo sempre ai miei genitori che dovevo finire di studiare per qualche interrogazione…ma la verità era che tiravo tardi per guardare Mister Fantasy.

Tornando all’appuntamento del 22 sarà presente Carlo Massarini! Guardo l’agenda degli appuntamenti e mi libero subito. Chiamo mia sorella chiedendo se vuole farmi compagnia e avverto gli organizzatori che sarò presente alla serata.

I motivi sono diversi, Massarini a parte, sono curiosa di ascoltare i giovani cantautori che si esibiranno in una location davvero speciale. Davanti alla Basilica della Madonna di Tirano.

Con grande stupore e piacere, vista la mia intenzione a partecipare alla serata, Massimiliano mi chiama e mi invita al rinfresco riservato pre-concerto che si terrà al Caffè 900 di Tirano e mi annuncia che potrò conoscere personalmente e parlare con Carlo Massarini.

Potrà sembrare una cosa stupida, ma mi sono sentita come l’adolescente degli anni 80 che guardava quella trasmissione dove un ragazzo tutto vestito di bianco, Mister Fantasy, parlava di musica e mi faceva sognare. Mai e poi mai avrei immaginato di poter incontrare questo famoso giornalista e critico musicale dal vivo.

Martedì 22 alle 18,30 arriviamo al Caffè 900.

Perché proprio in questo bar di Tirano? Mi spiegano che il motivo è che Edoardo Redaelli (che tra l’altro già conoscevo di persona) nonché  titolare del locale e famoso barman, ha deciso di fare da partnership alla serata. Oltre a preparare spettacolari Cocktail, ospita da sempre la musica al Caffè 900. Ma non una musica qualsiasi, sceglie con cura la colonna sonora negli orari di apertura che spazia dalla classica al jazz al rock degli anni ‘70. In un ambiente curato e accogliente è facile trovarsi accanto dei libri da poter sfogliare magari in attesa di qualcuno, da poter prendere come spunto di lettura oppure anche solo da guardare come prezioso complemento d’arredo. Insomma un locale diverso, una sorta di caffè letterario dove la cultura e la voglia di crescere ed informarsi, sono di casa.

Per questi motivo l’associazione Progetto Alfa in collaborazione con il Premio De Andrè è stato ospite nel caffè.

Il locale per l’occasione è chiuso al pubblico. Entriamo come invitati  e sui tavoli troviamo i noti fantastici aperitivi che attirano la nostra attenzione e la nostra gola.

Sono presenti amici che conosco e tutti sono in attesa della giuria.

Intravedo anche i giovani cantautori che si esibiranno durante la serata. Chiacchierano tra loro, osservandoli colgo una certa timida trepidazione. Sono tutti insieme come per darsi coraggio a vicenda. Quasi tutti sono già saliti su un palco. Ma l’emozione di esibirsi davanti ad un pubblico resta sempre. Si sfidano, qualcuno di loro vincerà. Ma non importa come andrà a finire. Sono stati scelti per cantare in piazza della Basilica a Tirano per un premio dedicato al famoso e indimenticabile Faber.

Finalmente arrivano Massimiliano e la giuria, non lo conosco di persona. Mi presento e lo ringrazio per l’invito. Il tempo di salutarci ed ecco che intravedo LUI! Carlo Massarini!

Accidenti quanto è alto. Non è vestito di bianco, ma pantaloni ed un golfino casual. Ma il viso nonostante sia passato qualche anno, resta inconfondibile come anche  l’espressione sorridente di sempre.

Massimiliano me lo presenta, scambio quattro chiacchiere a proposito di Mister Fantasy e della musica passata e attuale. Il modo di porsi e di parlare è sempre lo stesso: semplice, pacato, ma con una autorevolezza di chi sa, di chi davvero mastica musica a 360°. Io sono una capra a confronto, ma non posso nemmeno pretendere… Faccio una foto con lui. Sono felice a mille.

Dopo il rinfresco io e mia sorella, ci portiamo verso la zona concerto e ci accomodiamo sulle sedie nei posti davanti. Una fresca brezza ci accompagna e ci suggerisce di metterci la giacca sulle spalle. Il torrente Poschiavino nelle vicinanze, ci annuncia che il caldo dell’estate non ci darà più così fastidio.

Il palco è pronto, tanti faretti e giochi di luce fanno intravedere una bella scenografia. Ma d’altra parte scopro che il service è stato affidato a mani sicure: alla Mafil del mio amico Doriano Giugni.

Alle 21,30 si accendono i riflettori e dopo una breve presentazione, a cura di una professionista Cristina Turella inizia l’esibizione dei giovani artisti. In ordine: Nicky, Davide Taloni, Debora Giumelli, Andrea Martinelli, , Stefano Schiraldi, Paolo Riccardo Bonetti in arte Paulinho

Tutti cercano di esprimere al meglio il loro talento, la loro voce, su un palco nella loro terra.

Le loro canzoni sono dei messaggi, qualcuno ha più uno stile da cantautore, qualcuno più pop, qualcuno rap. I testi a volte raccontano storie di vita, a volte sono un richiamo alla realtà di oggi, con accenni ai social, alla politica e alla discriminazione.

Qualche testo scuote le menti e fa riflettere. Tutti a modo loro lasciano qualcosa, lasciano un segno.

Non sta a me esprimere preferenze in quanto non sono la persona più adatta. Qualcuno mi è piaciuto di più e qualcuno di meno. In qualsiasi caso sono tutti da applaudire perché seguono la loro passione per la musica, perché si mettono in gioco e ci credono. Qualcuno ha più anni di esperienza, qualcuno vive già di musica. Tutti hanno riempito la serata che sul finale ha visto sul palco anche Piergiorgio Faraglia, vincitore dell’edizione del Premio 2014.

Graditissima ospite anche Consuelo Orsingher che ha presentato il suo ultimo pezzo: “Ti piace da morire”. La nota artista valtellinese, sempre più famosa e performante  riscuote sempre tanto successo e tanti meritati applausi, ovunque si esibisca.

Durante la serata ospite sul palco anche Beatrice Bea Mihaela Vieru che recita una delle sue poesie.

La giuria, fatica a decidere chi meriti di finire alle semifinali, ma alla fine decide di portare Martinelli e Paulinho a pari merito.

Sul palco Carlo Massarini dall’alto della sua esperienza nel campo della musica, ha una parola per tutti gli artisti e dimostra ancora una volta la sua grande competenza e gradita professionalità.

La serata si conclude sulle note della Canzone di Marinella interpretata da una giovane voce valtellinese: Lucia Capalbo. Un tributo al compianto Fabrizio De Andrè a cui è dedicata la serata e il premio finale.

Un’organizzazione impeccabile, la piazza piena, ordinata che ha assistito sino all’ultimo alla performance degli artisti.

Massimiliano Greco e Antonio Muraca hanno centrato l’obiettivo, hanno vinto questa sfida, giocata molto velocemente. Non c’è stato molto tempo per organizzare tutto, ma nonostante questo la serata è riuscitissima.

Personalmente non conoscevo nessuno degli organizzatori, ritengo di dare un merito per chi oggi lavora con serietà e con passione per portare nelle piazze la musica ma soprattutto per dare la possibilità ad artisti giovani e magari poco conosciuti di esibirsi e farsi notare.

Può sembrare poco apparire una sola volta su di un palco, ma vi garantisco che basta per essere ricordati e dire, quando magari si ascolta una loro canzone: ah si, me lo ricordo.

Quindi non c’è solo San Remo, Amici o X Factor per potersi lanciare nel mondo musicale.

Non è sicuramente facile, ma tentare non costa nulla. Quindi avanti tutta e alla prossima.

 

 

 

Commenti