CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

20/10/2017

S. Irene

ACCESSO

Password Dimenticata?

Ma i gelati sono tutti uguali?Quelli di Folini no...

CONDIVIDI

BLOG | 07/07/15

logo Gelateria Folini VISITA LA PAGINA DELL'AZIENDA!

Quando mi viene voglia di un gelato non posso che pensare alla mia gelateria preferita a Sondrio.
La gelateria Folini, ex Toldo tanto per intenderci.
Massimo, il titolare, si arrabbia quando faccio questo accostamento (ma mi perdonerà visto il motivo…)
Ma molte persone ancora non lo identificano con la nuova insegna.
Beh avete capito che sto parlando della gelateria in piazzale Merizzi, quella tra l’agenzia di viaggi e il negozio di fiori.
Non ho scelto una gelateria a caso…ammetto che quando avevo negozio, (ricordi che ho raccontato di avèr avuto una cartoleria? ) era il mio “spacciatore” di gelato, quasi quotidianamente in estate anche perché era proprio dietro l’angolo.
Da ignorante in materia, fino a qualche anno fa, un gelato valeva l’altro.
Bastava fosse fresco, del mio gusto preferito è tutto finiva lì.
Poi parlando con Massimo, ho imparato a riconoscere il vero gelato artigianale.
Ingredienti, caratteristiche, modalità di preparazione, differenze con gli altri gelati.
Ora posso dire di essere quasi una “intenditrice” di gelato artigianale.
Ovvero i gelati preparati con le buste e non con ingredienti freschi o con la frutta li scovo quasi subito e ovviamente li evito.
Tornando al gelato, i miei gusti preferiti attualmente sono quelli alla frutta e in particolare il mandarino, dopo essere stata per anni fan irremovibile di cioccolato e stracciatella….
Poi da quando ho scoperto di essere intollerante ai latticini, componenti fondamentali delle creme, mi sono spostata su frutta e sorbetti prendendoci gusto ad assaggiare i gusti più strani ed insoliti.
Alla gelateria Folini, oltre alle creme che non ti sto ad elencare perché un giro per assaggiare é d’obbligo, non trovi i soliti gusti di frutta, puoi assaggiare: l’acerola, l’açaí, il caju, il cupuacui, il fico d’India, la goiaba, la graviola il melograno, il mandarino che adoro, il frutto della passione o maracujà , il fico, il melone….beh anche solo con questi nomi strani credo di averti incuriosito.
Non pensare di trovare il gusto Puffo, Gargamella, Topolino o fantasmagorici gelati colorati solo per appagare e la vista e non il palato…naaaa, questo non è il posto giusto.
Qui trovi gelato di qualità prodotto con le migliori materie prime, senza coloranti o aromi artificiali che oltre ad ingannare il sapore, sono pure dannosi per la salute.
Ogni volta che entro in gelateria cerco sempre, ovviamente, il mandarino, poi Massimo mi propone sempre di assaggiar un nuovo gusto. Curiosa di assaggiar nuovi sapori, mi lascio tentare e fino ad ora non sono ancora rimasta delusa, devo ammetterlo.
Quando gusto il gelato, sempre sul cono, é mia abitudine, (lo preferisco alla coppetta non so il perché) sento proprio il sapore della frutta che è stata utilizzata e non solo un vago retrogusto come mi succedeva con gli altri gelati.
Anche il limone di Sorrento é fantastico, adorando gli agrumi e nei momenti di calura o quando ti vuoi dissetare questo è il top.
Dissetante e senza zuccheri aggiunti, proprio come piace a me, solo fruttosio.
Ma vogliamo parlare delle varie coppe decorate con frutta, glassa al cioccolato, panna montata (per me ora fuori portata….sigh)?
A volte, ai tempi del negozio, come sostituto del pranzo mi lasciavo prendere dal gelato alla frutta, arricchi non poterli mangiare per i motivi di cui sopra.
Posso dire “leccàre” per credere? Aahahaha dai il gelato sul cono si lecca, non fraintendere!
Poi quando avrai provato mi dirai se ho ragione o no.
Quando è particolarmente caldo la granita di Folini non mi sfugge.
Gusti diversi, indovina quale è la mia preferita? Ma quella al mandarino ovviamente.
Lo so, sono monotona a volte, ma se un gusto mi piace insisto su quello.
Massimo prepara 2 o 3 gusti di granita per volta, capita di passare e trovare un gusto nuovo.
È il bello della diretta. Mai dare nulla per scontato.
La gelateria Folini é piccina, ma adeguata al servizio che offre; non ci sono posti a sedere, é colorata, accogliente (si può dire calda di una gelateria? :D) ed é occupata per la maggior parte dalla vetrina con le vaschette dei gelato, poi c’è la vetrinetta con le torte che Massimo realizza sempre con tanta cura e passione.
Profiterol, torta ai frutti di bosco, semifreddi.
Sempre esposti in bellavista, una tentazione specie nelle calde giornate estive. Ahhhh che ricordi!

ATTENZIONE a non ingrassare solo a guardarli! Scherzoooo!
Sono buonissimi, e se esci a pranzo o a cena e vuoi portare in regalo una sua torta, il successo è assicurato.

Ne sono quindi testimonial al passato…
Ho assaggiato e garantisco per tutto!
Ti svelo un segreto….non ho mai amato il gelato alla nocciola e al pistacchio.
Però Massimo é riuscito con l’inganno a farmi assaggiare e pure quelli.
Ebbene non rispecchiano assolutamente i gusti che conoscevo…saranno le materie prime, o il metodo di preparazione….
Di pomeriggio in gelateria c’è Alida, la moglie di Massimo, che insieme al gelato ti omaggia sempre un sorriso e due parole condite di simpatia, il che in questi tempi non guasta.
Un giorno, mentre chiacchieravo di gelati con Massimo, (che strano) mi ha fatto fare un giro dietro le quinte ovvero dove ci sono le macchine che impastano il gelato.
Sono rimasta letteralmente stupefatta dall’ ordine meticoloso e dalla pulizia. Più lustra della cucina di casa mia!!!!
E mi spiega che smonta regolarmente tutte le parti interne delle macchine, per tenerle efficienti e pulite proprio per garantire massima qualità al gelato che produce.
Ho scattato delle foto perché volevo mostrare anche cosa c’è dietro il gelato, non solo in mezzo e intorno.
È come andare a visitare la cucina di un ristorante.
Se vedi tutto bello pulito e in ordine capisci che i piatti cucinati sono ben diversi da quelli sfornati da una cucina sporca e in disordine.
Che devo dire ancora? Che mi è venuta voglia di un gelato e mi sa che tra poco salgo in macchina e vado a commettere il mio “peccato di gola”.
Ma lo faccio volentieri. Se vuoi emularmi ti aspetto in gelateria!
E per chiudere riporto una frase di Aristotele in cui le gelateria Folini si riconosce:
“Noi siamo ciò che facciamo ripetutamente . L’eccellenza, quindi, non è un’azione, ma un’ABITUDINE”
Se anche tu vuoi una recensione sulla tua struttura o vuoi suggerirmene una da visitare, manda una mail a: redazione@calendariovaltellinese.com oppure chiama al 335 6090252, ti contatterò e verrò personalmente ad “assaggiarti”…parola di Edi
Alla prossima

Commenti