CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

27/06/2017

S. Cirillo d\u0027Aless.

ACCESSO

Password Dimenticata?

Successo per la seconda edizione di “Ciaspolando...

CONDIVIDI

09/01/17

Durante la giornata dell’ Epifania, nonostante il clima non molto favorevole, circa 80 persone hanno partecipato alla 2^ edizione di “Ciaspolando e passeggiando tra baite e calecc’”, in Val Gerola.

 

Un percorso itinerante con tante tappe eno- gastronomiche nelle terre alte valtellinesi.

 

Cinque le stazioni in cui ristorarsi e pranzare, tra piatti di formaggi tipici, portate di polenta, aperitivi, crostini rustici con mascherpa e pere, gorgonzola e noci, calici di rosso di Valtellina e dolci. 

 

Il gruppo di partecipanti ha percorso il tragitto su sentiero che conduce dalla frazione di Fenile alla frazione di Pescegallo. 

 

Vista la mancanza della neve, grande assente in questo inverno in tutta la Valtellina ha favorito la partecipazione all’ evento “Ciaspolando e passeggiando tra baite e calecc’”  di famiglie con bambini anche piccoli, gruppi di amici e tanti turisti.

«Giornata bella e soddisfacente – ha commentato Sergio Curtoni, Ecomuseo della Valgerola, gli organizzatori – il vento che ha soffiato giovedì si è placato e tutto oggi si è svolto nel modo migliore, in relax e con grande tranquillità. I volontari di Pro Fenile, Pro loco Gerola Alta, Gruppo Alpini Valgerola e Cioky bar Pescegallo si sono occupati come lo scorso anno di preparare e gestire i punti di ristoro e il pranzo e i partecipanti sono stati contenti. Abbiamo proposto un calendario di eventi vario che ha consentito a chi ha trascorso qui il Natale di scegliere più opportunità di svago e divertimento». 

 

Ormai le feste natalizie si stanno per concludere: in questi ultimi giorni di ponte festivo e in seguito a gennaio resta aperta a Gerola in centro paese la pista di pattinaggio su ghiaccio, campo di gioco sulle lame dei pattini in funzione anche durante l’ orario serale e si può sciare nel campo pratica con innevamento artificiale Gallo park. Maggiori informazioni le potete avere contattando l’ Ecomuseo della Valgerola