CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

11/12/2017

S. Damaso papa

ACCESSO

Password Dimenticata?

Foto Alessio Giovacchini ©

CONDIVIDI

TERRITORIO

Punti Guanelliani - casa e santuario della Madonna del lavoro

Nel 1900 don Guanella iniziò la bonifica di alcune parti del Pian di Spagna, malsane e inospitali. «Un giorno don Guanella approda a Colico con una dozzina di ricoverati che chiamava “buoni figli”. Li aiutava a salire sopra un carro preparato e via fra le risa di quelli di Colico che strabiliavano. […] Si trattava di appianare collinette di sabbia per riempire delle paludi, mettere in disparte la terra vegetale, stendervi sopra quasi concime prezioso. Si chiamarono poi lavoratori veneti abilissimi in tali lavori e così si ridusse a prato, a campo, a vite, a gelsi, una spianata di steppe» (L. Guanella, Le vie della Provvidenza, 1913-1914). I lavori procedettero speditamente e portarono in breve alla fondazione di un villaggio, con la scuola elementare e una provvisoria chiesa in legno, sostituita poi nel 1904 dall’attuale, dedicata da don Guanella al Divin Salvatore (nel 1942 eretta a Santuario “Madonna del Lavoro”). Dalla Olonio romana, il nuovo insediamento fu chiamato Nuova Olonio. Con questa iniziativa don Guanella intraprese un’opera dal profondo significato sociale. La sua sensibilità alla questione del bene comune lo portò a recuperare un luogo malsano, permettendo alle popolazioni locali di non abbandonare il territorio e diffondendo metodi di coltivazione più razionali e moderni, in sintonia con l’attenzione e l’impegno sociale della Chiesa in quegli anni.Scopri di più. Clicca qui

Dubino