CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

20/10/2017

S. Irene

ACCESSO

Password Dimenticata?

Rievocazione storica

19/08/17

CONDIVIDI

EVENTI IN Teglio

Si terrà sabato 19 agosto a Teglio, la Rievocazione storica “A.D. 1534 per 4000 scudi d’oro - I Besta: una famiglia in ascesa”.

 

Programma della giornata: 

 

17.00 Missa Solemnis 
Santa Messa in latino 
con personaggi in costume rinascimentale 
Collegiata Santa Eufemia 

Ore 18.00 “Quotidianità di una nobile famiglia 
nell’attesa di buone nuove” 
La famiglia Besta è trepidante 
per l’arrivo da Milano 
di Azzo II Besta e Andrea Guicciardi 
Giardino Palazzo Piatti-Reghenzani

Ore 18.30 “Finalmente giungono notizie: 
ci si prepara al grande evento ” 
Un messaggero avverte dell’imminente 
ritorno a palazzo dei due nobili 
e tutta la famiglia si gode un momento di festa 
grazie agli artisti di corte 
Giardino Palazzo Piatti-Reghenzani 

Ore 19.00 Cena presso i ristoranti convenzionati 
Street food Razion Tellina 
Assaggi appetitosi per le vie del paese 

Ore 20.45 “La comunità tutta accoglie i portatori di novità” 
Al rintocco delle campane tutta la popolazione 
si raduna nel centro del borgo, 
per capire quali affari sono stati conclusi a Milano 
CORTEO STORICO – Piazza Santa Eufemia 

Ore 21.00 “Il grande arrivo” 
Azzo II Besta, Andrea Guicciardi e un delegato 
dell’arcivescovo di Milano arrivano in paese 
e vengono accolti dall’intera comunità 
Parco Felice Chiusano 
A seguire: “Uno srotolìo che vale 4000 scudi d’oro” 
Un maestoso documento di pergamena 
testimonia il passaggio di beni e diritti feudali 
dall’arcivescovo Ippolito II d’Este ad Azzo II 
La comunità offre doni e festeggia 
Campo sportivo 

 

Da secoli la Castellanza e il Comune di Teglio sono un feudo della Chiesa ambrosiana, istituzione formalmente riconosciuta dal Ducato di Milano dei Visconti e degli Sforza. L'arcivescovo, quale capo della castellanza, a norma degli antichi statuti tellini, nomina il podestà, che presiede l'amministrazione civile e la giustizia, e il castellano a guardia del castello e del sistema difensivo. 
L'avvento nel 1512 dei Grigioni, nuovi signori della Valtellina e dei contadi di Bormio e di Chiavenna, che pur riconoscono la peculiarità politico-amministrativa della terra degli "Uomini di Teglio", rende di fatto impossibile all'arcivescovo milanese l'esercizio dei poteri feudali e difficoltosa la gestione del ricco patrimonio immobiliare nell'antico feudo e in varie zone della valle dell'Adda. 
La nuova realtà induce perciò la Chiesa ambrosiana alla vendita di quanto posseduto in Valtellina, paese suddito delle Tre Leghe dei Grigioni, senza più alcun rapporto con Milano. 
La facoltosa famiglia Besta, grazie alla guida e alla regia di Andrea Guicciardi, stimato e ricco medico già rettore dell'Università di Pavia e patrigno del padrone di casa Azzo II, acquista dall'arcivescovo Ippolito II d'Este con atto notarile rogato in Milano il 4 agosto 1534 - una lunghissima pergamena tuttora custodita - i diritti feudali e tutti i beni della Chiesa ambrosiana in Teglio e in Valtellina dietro il pagamento di 4.000 scudi d'oro, una somma ingente di cui solo i Besta possono in Teglio disporre. 
Il prestigio loro è alle stelle, Azzo II, nominato luogotenente del podestà grigione Jörg Jaun, è circondato dal generale consenso dei compaesani. 
La rievocazione storica proposta s'incentra sul rientro a Teglio della vincente delegazione di Azzo II e di Andrea Guicciardi insieme al rappresentante dell'arcivescovo Ippolito II d’Este nel festoso clima di una accoglienza particolarmente calorosa.

 

Per maggiori informazioni: Ufficio Turistico di Teglio 0342 782000  oppure visita la pagina Facebook dedicata cliccando qui 

 

teglio