CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

19/08/2017

S. Ludovico, S. Italo

ACCESSO

Password Dimenticata?

Tirano

CONDIVIDI

TERRITORIO

Tirano

Non numerosi ma importanti sono i reperti preistorici, ritrovati entro i confini del territorio di Tirano e conservati attualmente presso l’Antiquarium di Palazzo Besta a Teglio, che testimoniano della presenza dell’uomo nella zona già in tempi molto antichi. Il nome del borgo è probabilmente di origine romana (deriverebbe dal latino “inter amnes”, cioè tra i fiumi), ma viene attestato in documenti solo a partire dall’XI secolo. Costituitosi in libero comune nel XII secolo, fu assoggettato dai Capitanei, signori di Stazzona. Nel 1335, con il dominio dei Visconti sulla Valtellina, Tirano assunse il ruolo principale del mandamento divenendo capoluogo del Terziere Superiore e sede pretoria. Nel 1487, dopo una prima incursione militare dei Grigioni in Valtellina, Ludovico il Moro fece erigere le mura e il castello di Santa Maria. Il 29 settembre del 1504 ebbe luogo la miracolosa apparizione della Madonna al Beato Mario Omodei, che fece sì che Tirano divenisse importante meta di pellegrinaggi e portò alla costruzione, sul luogo del miracolo, del Santuario, tutt’oggi il più importante luogo di culto della valle. Grazie alla posizione geograficamente strategica di Tirano, la piazza Basilica e la zona circostante divennero sede della più importante fiera della provincia, che acquistò importanza sovraregionale richiamando commercianti da tutte le valli circostanti, dalla Svizzera al Tirolo, dalla Lombardia alla Repubblica di Venezia.Scopri di più. Clicca qui

santo patrono Tirano

San Martino

Martino di Tours, in latino Martinus (Sabaria, 316 o 317 – Candes-Saint-Martin, 8 novembre 397), è stato un vescovo e confessore francese, venerato come santo dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa ortodossa e da quella copta.
Ancora bambino, Martino si trasferì coi genitori a Pavia, dove suo padre era stato destinato quale tribuno della legione, ed in quella città trascorse l'infanzia. A quindici anni, in quanto figlio di un militare, dovette entrare nell'esercito. Come figlio di veterano fu subito promosso al grado di circitor e venne inviato in Gallia, presso la città di Amiens.
Il compito del "circitor" era la ronda di notte e l'ispezione dei posti di guardia, nonché la sorveglianza notturna delle guarnigioni. Durante una di queste ronde avvenne l'episodio che gli cambiò la vita. Martino incontrò un mendicante seminudo. Vedendolo sofferente, tagliò in due il suo mantello militare e lo condivise con il mendicante. La notte seguente vide in sogno Gesù rivestito della metà del suo mantello militare. Udì Gesù dire ai suoi angeli: «Ecco qui Martino, il soldato romano che non è battezzato, egli mi ha vestito». Quando Martino si risvegliò il suo mantello era integro.

Si dice a Tirano:

  • An regàl grant u pìscen al va sémpri bée (un regalo grande o piccolo va sempre bene)
  • An sa cùma ‘n sà, ma mài cùma an pö vignì (sappiamo come siamo, ma non come possiamo diventare)
  • Ànca ün fürbu al trùa ün pü fürbu de lüü (anche un furbo ne trova uno più furbo di lui)
  • Bisügna tegnìs la gént cun al so temperamént (bisogna accettare la gente con il suo carattere)
  • Chìi crùmpa chèl che ucùr mìga vendarà ‘l necesàri (chi compera ciò che non serve venderà il necessario)
  • Chìi ‘l sa mìga fa al làghi sta (chi non sa fare, lasci stare)
  • Macc adàcc (maggio, adagio - a togliersi i vestiti)
  • Macc sciücc gran par tücc (maggio asciutto, grano per tutti) Ul dì de l'Ascenziùn l'è ura de sculdà ul fer d'ul stée
  • "Se la fèmna mèt sü li bràghi e l’um al scusàl la ca la va de mal" (Se la donna indossa i pantaloni e l'uomo il grembiule, la casa va male).
  • Cula léngua ‘n bùca sa va ‘ndùa sa völ, sa rüa parfìnu a Rùma (con la lingua in bocca si va dove si vuole, si arriva perfino a Roma)
  • "A parlà sa sa ‘nténd, a maià sa dùma spént". (A parlare ci si intende, a mangiare solo si spende).
  • "Al disùrdan al ciàma ùrdan" (il disordine chiama ordine)
  • "Al prim basèl l’è ‘l pü difìcil de fa sü" (il primo gradino è il più difficile da salire)
  • "An crapadùn al mumént giüst al val püsée de ‘n grant discùrs". (Uno scapaccione al momento giusto vale più di un grande discorso)
  • "Ària rùsa: u ca sùfia u ca pìscia". (Cielo rosso, o tira vento o piove).
  • "Cèrca mài de ‘ndrizàch i gàmbi a ‘n can, se l’è gavèl". (Non cercare mai di raddrizzare le zampe ad un cane, se le ha storte)
  • "Chèl che büta ‘l crès". (Quel che spunta, cresce)
  • "Dùma ‘l spècc al ta dis tüt". (solo lo specchio ti dice tutto)
  • "I amìs i è cùma ‘l vin, i à de vèss stagiunàa" (gli amici sono come il vino, debbono essere stagionati)
  • "I ciciàri vòlta mìga vìa i mestée". (con le chiacchiere non si fanno i mestieri)
  • "La süpèrbia la va a cavàl, ma la tùrna a pè" (la superbia va a cavallo ma torna a piedi)
  • "L’àsan de natüra al cugnùs mìga la sùa scritüra". (l'asino di natura non conosce la propria scrittura)
  • "Se s’ pö mìga fa cùma sa völ sa fa chèl che si pöl". (non si può fare come si vuole, si fa quel che si può).
  • "Se ‘l füm ala matìna va vèrs levànt al ségna de brüt, se ‘l va vèrs punént al ségna de bèl. Se ‘l va sü dricc al sa gnàa lüü cusèpo fa". (Se il fumo alla mattina sale verso levante sarà brutto tempo, se va verso ponente sarà bel tempo, se sale diritto non sa neppure lui che tempo farà).
  • A fa cùma ta völet al ta vée mìga fo ‘l gos (a fare come si vuole non viene il gozzo)
  • Ai büsàdri sa ga crét gnànca cùra che i dis la verità (ai bugiardi non si crede neppure quando dicono la verità)
  • Ai büsàdri sa ga crét gnànca cùra che i dis la verità (ai bugiardi non si crede neppure quando dicono la verità)
  • Al cùlmu de la strencerìa l’è cupà i piöcc par töch fo ‘l cusc (il colmo dell'avarizia è uccidere i pidocchi per tirarne fuori il grasso)
  • La néf angràsa i campàgni (la neve ingrassa la campagna)
  • L’amùr sénsa barüfa al spüza e ‘l fa sü la müfa (l'amore senza litigi puzza e fa la muffa)
  • Macc al végni cùra ‘l ga n’à vöia, bàsta che ‘l pòrti èrba e föia (maggio venga quando vuole, purché porti erba e foglie)
  • Se ‘l cànta ‘l gal prìma de scéna, se l’è nìgul al sa seréna (se il gallo canta prima di cena, se è nuvoloso si rasserena)
  • Trun de macc', gèrli e campàcc (tuoni a maggio, abbondante raccolto)
  • Vargùt al va sémpru rut (qualcosa si rompe sempre)