CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

18/06/2024

S. Gervasio, S. Romualdo ab.

ACCESSO

Password Dimenticata?

Una serata tutta italiana al Teatro Don Chiari

CONDIVIDI

BLOG | 18/04/23 - Sondrio

Un sabato sera “cantereccio”… 

Non ho sbagliato a scrivere…non intendevo mangereccio. 

Infatti è stata una serata all’insegna della musica. 

Canto i nostri Cantautori” dedicata a molti artisti italiani, quelli che restano nel cuore grazie alle loro canzoni, alle loro parole, alle loro note. 

 

A dare voce a tanti nomi famosi della musica italiana è stato un artista di Tresivio, che abita a pochi metri da casa mia. 

Lo conosco di persona e spesso quando esco con la Pimpa ci fermiamo a scambiare quattro chiacchiere. 

Lui è Luigi Enrico Ramponi. 

Prima di incontrarlo “live” ne avevo sentito parlare…ma non lo avevo mai ascoltato esibirsi musicalmente, se non alla vigilia di Natale con le classiche melodie delle festività sotto un terrazzino...

 

Incuriosita da questa serata dedicata ai cantautori italiani, pubblicizzata in lungo e in largo, ho partecipato per scoprire chi si celasse dietro quella sua modestia mista a timidezza… 

 

E devo dire che sono rimasta piacevolmente sorpresa. 

Enrico ha tenuto a bada il pubblico numeroso per più di 2 ore interpretando canzoni che hanno abbracciato gli anni 60-70-80 e 90. 

Da Adamo a Nicola di Bari, da Domenico Modugno a Franco Battiato, da Biagio Antonacci a Eros Ramazzotti, da Lucio Battisti a De Gregori, da Guccini a Vasco Rossi, da Baglioni a Zucchero. 

 

Un bellissimo percorso musicale che ha fatto cantare tutta la platea che conosceva quasi tutte le canzoni che Enrico ha interpretato in modo magistrale. 

 

Sulle basi musicali, accompagnandosi talvolta con la tastiera e talvolta con la chitarra, ha saputo divertire senza sosta (tranne che per bere due sorsi d’acqua) la platea Soldout del Teatro Don Chiari di Sondrio. 

 

Tanta gente di Tresivio…ormai ne conosco parecchia perché è quasi un anno che vivo in paese. 

Enrico ha chiamato e i “tresif” hanno risposto. 

Bella questa cosa! 

 

In tempi in cui la gente si è impigrita e non ha più voglia di uscire di casa, lui è riuscito a fornire una valida ragione. 

La musica. 

L’età media del pubblico era sopra gli “anta”, quindi lasciatemi dire “Ma che ne sanno i 2000”!! 

Se ci fosse stata mia figlia forse avrebbe riconosciuto 2 canzoni. 

 

A me erano note per il 90%. Alcune degli anni 60 non mi erano familiari ma non è mai troppo tardi per scoprire cose nuove (si fa per dire). 

 

Ho cantato tanto e mi sono divertita, ma soprattutto Enrico ha stupito me e i miei amici, con una bravura che non immaginavo. 

 

Cantautori molto diversi tra loro, a cui ha saputo dare voce, in modo gradevole, personale sempre differente ma senza snaturare l’interprete originale. 

 

Ha fatto rivivere la voce di Luigi Tenco, le cantate di Giorgio Gaber, le filastrocche di Enzo Jannacci ricordandoci grandi artisti scomparsi che hanno lasciato il segno nel parterre musicale italiano. 

 

Standing ovation, applausi scroscianti per Enrico, un artista che merita davvero di essere ascoltato. 

Un cantautore che ha firmato anche dei pezzi personali, uno dei quali: Guerra Pandemica dedicato alla pandemia che ha fatto parte della nostra vita negli ultimi 2 anni, lasciando segni indelebili. 

 

La trovate su YouTube:

 

Complimenti ancora ad Enrico Ramponi per le sue interpretazioni che hanno avuto simpatici siparietti grazie al conduttore della serata: Nene Broggini. 

Alla prossima!

 

Commenti