CIAO! COSA CERCHI IN VALTELLINA?

23/04/2024

S. Fedele, S. Gastone

ACCESSO

Password Dimenticata?

Ul marascalc

CONDIVIDI

09/11/18

ANTICHI MESTIERI UL MARASCÀLC: IL MANISCALCO

Nel passato sti agn i mezzi di trasporto per uomini e cose erano cavalli, muli, asini, buoi e, qualche volta, anche le mucche.
Questi animali da tiro avevano bisogno di una particolare “manutenzione” agli zoccoli.
L’artigiano, esperto in questa particolare “pedicure”, era il maniscalco uI marascàlch.
Il mestiere solitamente non veniva eseguito “a domicilio” però lo diventava nel periodo in cui gli allevatori si preparavano a portare le mucche nei maggenghi di montagna.
Prima di “salire” ai pascoli, bisognava tagliare le unghie a tutti le bestie della spalla, diventava troppo scomodo doverle spostare.
Iniziava il lavoro, indossando un grembiule di cuoio.
L’animale da “trattare” era legato con una grossa catena ad un anello infisso nel muro.
Attrezzatura:
- per tagliare le unghie alle mucche servivano: tenaglia, pinza, e speciali coltelli.
- fare le “scarpe” a cavalli, asini e muli occorrevano: lima, martello, pinza, chiodi, e i “famosi” ferri da cavallo che l’artigiano sistemava sotto lo zoccolo dell’equino, dopo accurata limatura dell’unghia. Il fer¬ro veniva fissato al piede con grossi chiodi.
- per i buoi ferri piatti con un uncino perché i loro piedi sono divisi in due grosse unghie.



Un gentile contributo di Mariella della UILDM Sondrio: memorie raccolte dei suoi genitori